Tana dei Panda

bambini si nasce, panda si diventa

E due

di Mamma scritto il 21 Giugno 2010
Nessun CommentoComments

Oggi secondo tracciato, Elio.
E’ che tu non vedi quel che vedo io. L’ambulatorio di ginecologia sembra un piccolo magazzino da cui han tolto secchi e scope, per metterci qualche attrezzatura medica e delle sedie di plastica; le stanze sono piccole, zero areate, calde; un’ostetrica da sola eroicamente smista i flussi di donne più o meno incinte, risponde al telefono, compila carte, insegue il ginecologo di turno, esegue i tracciati ed in soldoni tiene in piedi la baracca – non a caso le sue ferie vengono sempre annunciate con largo anticipo in grandi avvisi, e si presume le sia proibito ammalarsi. Infine le poltrone per i tracciati, scomode, odorano di treno – scompartimento di treno locale, per l’esattezza.
Poi c’è il rito del cibo. Arriviamo, mi fissano i sensori e tanto per cambiare tu stai dormendo; allora mi tocca nutrirmi a forza, in quella posizione semi-stesa che son brava a non soffocarmi, sperando che gli zuccheri in circolo ti facciano risvegliare – altrimenti l’ostetrica non ci lascia più andare a casa.
Insomma, creatura, vedi di deciderti a nascere perché di ‘sta tiritera son già stufa marcia.

Tags:
Categorie: quella piattola di mamma

Leave Comment

Commenting Options

Alternatively, you can create an avatar that will appear whenever you leave a comment on a Gravatar-enabled blog.