Tana dei Panda

bambini si nasce, panda si diventa

Animale sociale

di Mamma scritto il 15 Agosto 2011
Nessun CommentoComments

Mi sa che nostro figlio si rimpinza ai quattro palmenti quando è in compagnia, a tavola con altri, e ci son chiacchiere attenzioni e cibi vari nei piatti (altrui); quando invece siamo io e lui la sera, io stanca dal lavoro e dalle mille cose, lui forse un po’ stufo della dimensione esclusiva io-e-tu e tu-ed-io, allora il cibo ritorna un semplice bisogno biologico e le porzioni si ridimensionano di conseguenza. Vedendolo mangiare in ferie a tavola con noi ed i nonni, son giunta a questa conclusione.
Ben più assorbito dal cibo diventa il pargolo quando è responsabile diretto di quel che mangia, ovvero quando a fine pasto gli dò un po’ di frutta tagliata in pezzi, che mangia da solo con le mani oppure strizza allegramente se è sazio. In questi giorni a volte si incazza e vorrebbe mangiare da solo, e allora eccolo armeggiare col cucchiaino tutto felice: la bocca se la centra ma il problema è il movimento a cucchiaio, per raccogliere il cibo lui mena solo gran fendenti, allora tu lo aiuti e dopo due-tre volte ha già perso la pazienza, e si incazza con te perché lo tratti da incapace… finché, pigro com’è, si stufa anche di simulare indipendenza e riprende a farsi imboccare come se nulla fosse. Vabbé, fortuna che al Nido tendono a cucinare cose che i pupi posson prendere con le mani.
Comunque è proprio comodo avere un figlio al seguito quando vai in vacanza. Magari per strada incontri vecchie amiche o conoscenze che non vedevi da dieci anni o più e TRAC!, tu parli del tuo pargolo la vecchia amica parla del suo – o più spesso dei suoi – ed è come se il tempo non fosse mai passato, non mancano gli argomenti di conversazione e ci si lancia in paragoni, sorrisi ed esclamazioni di compartecipazione, alla fine fai una vita sociale intensa senza alcuno sforzo. Forse è per questo che gli uomini parlano sempre di calcio? Sarà che quando sei mamma hai poco tempo da dedicare alla vita sociale, o sarà che avendo poco tempo per leggere il cervello decade ed è prono alle frivolezze, o ancora sarà che a causa del pupo sei sempre molto concentrata sull’immanente e piano piano ti disabitui al caro vecchio flusso di coscienza; fatto sta che scambiare quattro parole con un’altra mamma/donna/chiunque fa davvero piacere, hai l’empatia sempre pronta in tasca e chiacchiereresti anche del tempo, e ti senti un animale sociale felice del semplice fatto di aver potuto esprimere un po’ di socialità – chissenefrega del costrutto, dopo tutto!

Tags:
Categorie: vita sociale

Leave Comment

Commenting Options

Alternatively, you can create an avatar that will appear whenever you leave a comment on a Gravatar-enabled blog.