Tana dei Panda

bambini si nasce, panda si diventa

Stranger adults

di La Creatura scritto il 19 Maggio 2019
Nessun CommentoComments

Io gli adulti proprio non li capisco. Queste sono la terza e la quarta psicologa che mi becco, da quando ho iniziato scuola. Che sia un gioco a chi ne colleziona di più, come le figurine dei Pokemòn? Forse ho la mamma ricca, però non le piacciono i vestiti fighi né i macchinoni, allora spende tutto in psicologhe per il suo adorato pargolo? Boh.
L’unico lato positivo delle psicologhe, questo è inconfutabile, è che per andarci esco prima da scuola e quindi perdo qualche ora, ogni settimana lo stesso giorno; è la mia piccola gioia settimanale. E forse c’è un altro lato positivo: diversamente dalla logopedista, le psicologhe non mi danno attività da praticare ogni giorno a casa con nazi-mamma; mi limito a stare con loro, le seguo col 10% della mia CPU nei loro discorsi e attività, sorrido quando mi sorridono e aspetto che il tempo passi, infine torno a casa come se non fosse successo niente. Tutto sommato è sopportabile.
Le due nuove personagge sono una tizia che fa le vocine dolci e fintissime, ma ben piazzata e che con una sberla potrebbe scagliarti in fondo alla stanza; e la sua collega bionda e carina, almeno lei carina davvero e non per finta come l’altra. Con la tipa grossa lavoro in palestra, con l’altra lavoro alla scrivania; in entrambi i casi mi spronano ad esprimere me stesso e il mio immaginario, salvo poi disgustarsi di quanto esprimo e cercare di correggermi. Tradotto: le armi fanno schifo, la guerra fa schifo, io non posso giocare a fare il Re dell’Universo. Ma non mi offendo, perché in fondo grazie a loro perdo qualche ora di scuola, e per riconoscenza cerco di farle contente come posso. Se non altro, in palestra salto e sudo e in qualche modo me la passo.
La seconda psicologa, quella dell’Asl, è convinta che lavorare con la terza e la quarta psicologa mi aiuterà ad essere meno incazzoso e ad imparare a concentrarmi in classe. Dopo un paio di mesi di attività, sinceramente né io né i miei né le maestre vedono alcuna differenza rispetto a prima; ma siccome i miei si stanno svenando per il costo esorbitante del servizio, presumo che almeno loro possano dirsi contenti – in fondo spendere soldi è quello che volevano, no?
Nel frattempo Angelo, un mio compagno di classe nonché amico, è da questo inverno che fa calcio e si trova proprio bene. Mi ha surclassato: siamo alla fine della terza elementare, ed effettivamente molti maschi stanno passando dall’amore per le armi alla passione per il calcio. A me il calcio non interessa, sono pure brocco e la palla mi fa paura, ma la massa è pur sempre la massa e se vuoi mischiarti con lei bisogna tapparsi il naso e tuffarsi. Quindi basta Minifigure Lego, ora quando chiedo un premio voglio le figurine del calcio, così a scuola possiamo scambiarci le doppie. E poi vorrei anche io andare a fare calcio con Angelo; ma temo che costi molto meno delle psicologhe, chissà se riuscirò a convincere i miei?

Tags:
Categorie: auto-analisi, giochi di ruolo, questioni di soldi