Tana dei Panda

bambini si nasce, panda si diventa

Archivio per la categoria ‘sproloqui’

Un bambino in HD

venerdì, dicembre 16th, 2011

Mio figlio è un genio, mio figlio è bellissimo, mio figlio deve avere il meglio. Le foto (che fa mia moglie) non sono sufficienti per documentare cotanta bellezza e meraviglia, allora questo Natale ci regalo la videocamera HD (sempre a mia moglie), in modo da immortalare per sempre le prodezze e le avventure di cotanto pargolo batuffoloso. Mia moglie ha chiesto, l’ingenua, che ce ne facciamo dell’HD: io sono un cane con le riprese, lei comunque va a caso, e non abbiamo neanche computer abbastanza potenti da poter supportare lo standard, o per lo meno devo un po’ organizzarmi per non piantare tutto come è successo qualche giorno fa. Ma come fa a non capire? Un giorno nostro figlio crescerà, capirà quattro acche tecniche e di sicuro, ma proprio DI SICURO, al rivedere i filmini di quando era piccolo mi chiederà:”Babbo, ma che schifo di definizione è mai questa?, per voi valevo solo il prezzo di una tecnologia obsoleta?”. O per lo meno, questo succederebbe se avessi optato per una videocamera normale; ma visto che ho preso una videocamera HD, non succederà! Almeno non per i prossimi 10 anni, spero.
Ora che ho il potente mezzo, potrò immortalare la splendida creatura finché gioca, corre, fa ‘cucù’ con mamma in tutti i posti possibili (anche dietro le proprie mani), disegna, e poi potrò registrare il sonoro, quel suo chiacchiericcio continuo ancora fatto di molte vocali aaaaaaaah eeeeeeeeeeeh, ma composto anche di parole compiute; tipo ormai dice APA’ per acqua, PA’ per papà, BABA per barba, APPA per pappa (cibo), PA’ per iPad o Pimpa, e tante mille varianti del PA/BA con le quali dice anche: pane, pasta, pannolino, coccodrillo, questo, libro, leggere una storia assieme, voglio andare per di qua, grazie papà come sei gentile, l’area del quadrato costruito sull’ipotenusa è pari alla somma dei quadrati costruiti sui cateti, ecc ecc. L’avevo detto che mio figlio è un genio!

Scusate se esisto

venerdì, ottobre 28th, 2011

Povero pupetto, è stato poco bene di salute bisogna capirlo. E poi, le difficoltà psicologiche dell’inserimento al Nido, è sempre così all’inizio. Ed io in fondo sono anche poco a casa, ci vediamo la mattina, e poi la sera tardi che lui ha già mangiato e gli sta calando il sonno; per non parlare dei weekend che ho lezione e torno a stra-ore, o delle sere che passo fuori casa per lavoro. Ed in fondo è vero, l’informatica è il mio lavoro quindi sfrutto l’iPad e YouTube quanto possibile per fini educativi.
MA NON CAPISCO PERCHE’ E’ SEMPRE ATTACCATO ALLA MAMMA COME UNA COZZA SCHIFOSA, ED IO CHI SONO??? E SI PUO’ SAPERE PERCHE’ MI CERCA SOLO PER GUARDARE I DOCUMENTARI O LE CANZONCINE AL COMPUTER??? E PERCHE’ CON ME FA I CAPRICCI E CON MAMMA E’ PIU’ MALLEABILE E TENERONE???
Pure mia moglie ci si mette, quelle poche volte che sono a casa mi tiene i musi, o mi chiede continuamente di aiutare nei lavori o col pupo – e quando cavolo posso riposare??? E il pupetto è tanto carino, ma se ho la testa sul lavoro non sempre son pronto con la reazione giusta, non potremmo installargli un bel display esterno così mi regolo meglio?
Ma si sa, noi papà abbiam torto per default, vabbé taccio; e scusate se esisto.

Non temere, c’è papà

martedì, agosto 16th, 2011

Figlio mio, mio sentimento
che ti sfracelli sul pavimento
ahi che bernoccolo, ma passerà
non temere, c’è papà

Mia creatura in divenire
che sullo scivolo a tutti i costi vuoi salire – dalla parte dello scivolo!
non coi ginocchi, ma la suola in cima ti porterà
e quando scendi, c’è papà

Mio pulcino col raffreddore
coli muco a tutte l’ore
aspirarlo mamma dovrà
e per schienarti c’è papà

Figlio mio, sei nei miei pensieri
e se mamma scompare a fàr mestieri
anche se a volte ti annoierà
resta qui assieme a papà

Oh mio pargolo adorato
se anche ti mancan la mamma, il nonno, il gatto
vedrai noi due ci si divertirà
perché l’iPad ha papà!

E’ bellissimo

venerdì, maggio 27th, 2011

Mio figlio è bellissimo. Quando sorride, quando fa il broncio, quando fa (gran parte delle volte) il buffone… Io li guardo i bambini degli altri: carini, si si, ma niente a che vedere con Elio. Ci sono quelli enormi, ah ah che ciccioni, e poi tutti quelli che sembrano un po’ rimbecilliti (guarda che roba ancora non camminano), e poi alcuni un po’ antipatici se non fastidiosi. Se tenessi un foglio Excel con una statistica accurata dei bambini che incontro, ne avrei la prova provata: mio figlio è il bambino più bello più intelligente più simpatico del mondo. Ma il foglio Excel non serve, perché la verità è lampante.

Nella vecchia fattoria

sabato, aprile 2nd, 2011

Nella vecchia fattoria ia ia o

Quante bestie ha zio Tobia ia ia o

C’è un cane – bau!
Ca-ca-cane – bau bau!

C’è un gatto – miao
Ga-ga-gatto – miao miao

C’è una pecora – beeeee
Pe-pe-pecora – beeeeeeeeeeee

C’è una mucca – muuu
Mu-mu-mucca – muuuuuuuu

C’è un gallo – chicchirichiiii!
Ga-ga-gallo – chicchirichiiii!

C’è un lupo – uuuuuuu!
Lu-lu-lupo – uuuu-u-u-uuuuuuuu!

C’è una iena – ihihih
Ie-ie-iena – ihihihih

C’è una balena – fffffffff
Ba-ba-lena – fffffffff

C’è un uccellino – cip!
U-U-ccellino – cip cip!

C’è un lama – spu!
La-la-lama – spu spu!

C’è una gallina – coccodè
Ga-ga-llina – coccodè

C’è un gufo – uu
Gu-gu-gufo – uuuu

C’è un pesce – **
Pe-pe-pesce – ** **

C’è un delfino – (la mamma imita flipper)
De-de-lfino – (la mamma imita flipper)

C’è un merlo primaverile – fififi-fiu
merlo primaverile – fififi-fiu fififi-fiu

C’è una papera – qua
Pa-pa-papera – qua qua

C’è un’anatra – qua
A-A-anatra – qua qua

C’è un’oca – qua
O-o-oca – qua qua

C’è un Germano Reale – qua
Ge-germano reale – qua qua

C’è un maiale – grunf
Ma-ma-maiale – grunf grunf

C’è un musseto – i-o
Mu-mu-sseto – i-o i-o i-o

Nella vecchia fattoria iaaaa-iaaaa-oooooooooo

La gente è cattiva

giovedì, marzo 10th, 2011

La gente è cattiva, come cantava Nick Cave; e mio figlio ce l’ha con me.
Io davvero non capisco. La frase “No, gli occhiali no” mi sembra semplice e chiara, eppure non ha alcun effetto: il pupetto non smette di attraversare la stanza basso e veloce – sembra lo squalo – solo per lanciarsi sulla mia faccia e strapparmi gli occhiali di dosso, rischiando spesso di spezzarmeli o farli cadere. Io me li riprendo al volo, gli spiego che sono un oggetto importante e che, senza, il papà non può più andare al lavoro e guadagnare i soldi per mantenere suo figlio; ma quell’egoista se ne frega, ed appena li inforco lui li ha già agguantati di nuovo. Visto che con la nonna non fa così, ne deduco che ce l’ha con me.
Ingrato! Mi son pure procurato un flauto dolce, uno di quelli dal bel timbro e l’ottima intonazione, per suonargli un po’ di musica la sera; ma è difficile arrivare in fondo a qualsiasi canzone, quando il pubblico ti ruba lo strumento musicale per ciucciarlo. Io gli spiego sempre che deve SOFFiare, FFFFFFFH!, e non ciucciare: lui crepa dal ridere ma non cambia di una virgola.
Boh, io faccio di tutto per mio figlio, tipo che se avessi un iPad2 gli vorrei ancora bene, eppure mi sembra che per lui io non sia nessuno, giusto una figura divertente quando ha voglia di far baldoria. E dò il 100% quando tento di imporre un po’ di disciplina, gli spiego con calma le mie ragioni, per lungo e per largo con dovizia di particolari, perciò non capisco perché mia moglie, vedendomi impegnato in spiegazioni mentre il pupo fa quel che gli pare, commenta:”Mandagli una mail”… come se nostro figlio fosse in grado di cliccare col mouse per aprire le mail! Non capisce proprio niente, quella.

Diario di bordo: ora viene il babbo!

lunedì, gennaio 3rd, 2011

Brrrr biiiiiii aaaaa blà… come mi piace parlare l’eliese. Passerei ore a contemplare mio figlio: è bellissimo, fortissimo, bravissimo, intelligentissimo. Risucchia grosse quantità di cibo, ingoia un cucchiaino di pappa dopo l’altro che sembra un aspirapolvere: avremmo proprio dovuto chiamarlo Billy Marchioro, come il mio vecchio cagnolino Billy – tenera fogna a quattro zampe. Quando la sera torno dal lavoro, il piccolo mi sorride ed alza le braccia verso di me per essere preso sù – ovvio, sono il suo PAPA’. Ama alzarsi in piedi, fare esercizi ginnici fra le mie gambe o su per la mia pancia, è proprio vitale e simpatico. E poi, che tenerezza quando esala felice “Iiiiiiiiih!”, che pare un nazgul afono… credo proprio di essere innamorato.
Ma se il bambino è tanto ottimista, sorridente e simpatico, è merito della mamma. Mia moglie è proprio una brava mamma, non faccio che ripeterglielo. Solo non capisco perché lo veste così poco quando si esce in passeggino: innanzitutto essendo inverno il bambino non dovrebbe uscire affatto, hai mai visto che poi si prende un malanno; ma se proprio lo si vuole portar fuori, bisognerebbe per lo meno infilarlo in una tuta termica approvata dalla Nasa – è il minimo, per il mio bambino! Inoltre mia moglie è incosciente, quando guida col bambino in auto dovrebbe fare i 30 all’ora, evitare le rotonde ed uscire dagli stop solo quando non si vedono auto neanche all’orizzonte, e invece guida tipo “La corsa più pazza del mondo”, nei rettilinei accelera, non si tiene a 20 m di distanza dalla macchina davanti – come mi fa inviperire!, e difatti di solito frena, accosta e lascia guidare me. Non parliamo poi di quando si rientra a casa: garage freddo, e quella si mette a scaricare la macchina noncurante del pargolo in seggiolino… mi tocca sbraitare perché la snaturata finalmente si decida a prendere la creatura e portarla di volata in casa, presto!, prima che un alito di gelo lo ferisca irreparabilmente. Ah però è tanto una brava mamma, solo che nessuno è perfetto – e per questo esistono i papà.

Mio figlio è taaanto cariiino!

lunedì, novembre 15th, 2010

Ho appena messo a letto il pupo: è taaanto cariiino!
Ecco, la paternità si potrebbe riassumere così: guardi tuo figlio e ti frullano per il cuore parole tipo carino, morbidoso, profumato, simpatico, carino, adorabile, spassoso, pagliaccio, carino, matto, tenero, carino, foffi, splendido, tesoro, carino, cicciottino, delizia, carino, carino, carino, carino, carino, carino, carino, carino, carino, kawaii, carino, carino, carino, carino, carino, carino, carino… e sono io il suo papà, si, proprio io!
Comunque è un fatto: il pupo è OGGETTIVAMENTE bellissimo.